Viaggiare

Scrivere storie è come compiere un viaggio dentro noi stessi alla scoperta di quel qualcosa che ci era sconosciuto e, diventando i personaggi delle nostre avventure, scriviamo storie. Storie che sanguinano. Storie che ridono. Storie che piangono. Storie capaci di emozionare e far sognare, se si è in grado di trascinare il lettore dentro quelle immagini e parole...

I fedelissimi

lunedì 26 aprile 2010

Tristezza...


Le lacrime di Mexes valgono più di mille parole... un'espressione che racconta l'amarezza per un'immeritata sconfitta contro la Samp. In quegli occhi si legge la paura di un sogno naufragrato per DUE azioni pericolose dell'avversario, la paura di uno scudetto ormai perso...


La Roma, dopo l'1-1, assedia la porta difesa da Storari, ma il portiere blucerchiato si trasforma in fenomeno e para l'impossibile. La squadra giallorossa si riversa in massa nell'area della Samp per vincere, ma la palla non vuole entrare... e anzi, ci puniscono con l'altra azione pericolosa. Due tiri, due goal e il risultato finale diventa 1-2 a favore della Samp, aiutata da un arbitro che non vede evidenti falli di mano...

Il tricolore è dell'Inter ormai? Chissà, chissà...

Mi domando solo una cosa: perché contro la Roma il 99% dei portieri diventano fenomeni?

2 commenti:

Anubis ha detto...

io tifavo per il pareggio, così l'inter era comunque prima, e il palermo rimaneva 4° a pari punti mi sembra.

CirOlmo ha detto...

Ahahah ho vissuto la partita mentre ero con Domestici allo stand, siete proprio sfegatati a Roma :)